LGBTQIA+

pubblicato in: Counseling LGBT | 0

La prima volta che ho visto tutte queste letterine mi sono chiesta se ci fosse davvero bisogno di mettere un’etichetta a tutte le possibili varianti. Non mi sono risposta subito, ho cercato di capire, ho studiato, letto e ascoltato storie e poi mi sono risposta: SÌ, c’è bisogno! …e c’è bisogno anche di lasciarci quel + che dà dignità di esistenza anche a chi ancora non ne ha e che ci dice che siamo fatti in tanti modi e sempre uno in +.
Ho capito che le parole sono importanti, quanto può essere dolorosa una piccola fila di suoni, un pronome sbagliato lui/lei.
È giusto che ognuno possa riconoscersi, è inclusivo.
Le parole sottolineano le differenze e fanno risaltare i tanti modi di essere al mondo e di amare e ce ne sarà sempre uno in +…

Condividi su: