COME FARSI ASCOLTARE

pubblicato in: Counseling | 0

Ti capita mai di parlare e avere la sensazione di non essere ascoltato?
Domanda retorica…

COSE DA FARE PRIMA:
– Innanzitutto prima di parlare, bisogna saper ascoltare. Nel momento in cui farai sentire l’altro accolto creerai il presupposto per farti ascoltare.
– Pensa a cosa vuoi dire. Quello che stai per dire è vero? È utile? È opportuno?
– Rispetta il codice dell’interlocutore. Non usare parole che potrebbero non essere comprese.

Cerca di essere chiaro e sintetico, vai dritto al punto, non dare mai per scontato che l’altro capirà se non hai lanciato un messaggio preciso. Evita ironici doppi sensi, specialmente con i bambini, che già si impegnano molto per capirci quando parliamo normalmente e non sono in grado di decifrarli.

EVITA DI RICOPRIRE I SEGUENTI RUOLI:
Il pettegolo – se parli male di qualcuno o qualcosa il tuo interlocutore penserà semplicemente che farai lo stesso con lui.
Il moralizzatore – sa cosa è bene e cosa è male, il suo pensiero presuppone un giudizio, vede il mondo con il filtro dei suoi valori. È giusto, è bene. Non sta bene. Questo suscita sentimenti di inferiorità, ribellione, colpa.
L’opinionista – quello che ascolta solo per poter valutare se il pensiero dell’altro è conforme alla sua verità. Fai così perché…, secondo me tu… La realtà viene distorta e l’altro si sente incompreso.
Quello che sa – interpreta, sa già ciò cosa l’altro intende dire, gli è già successo tutto, ma tutto un po’ di più. Uhu sapessi io…
La risposta a tutto – quello che dispensa soluzioni come se ciò che l’altro pensa non contasse. Potresti fare cosìperché non… al posto suo farei… Questo atteggiamento è solo in apparenza positivo, in realtà tende a sbarazzarsi velocemente del problema.
Quello che fa finta – sostiene, concorda e annuisce, ma non è interessato o si è già fatto un opinione. Non ti preoccupare, succede a tutti, è normale…
L’ispettore – fa domande per capire come sono andati i fatti dimenticando la persona e provocando quindi reazioni di difesa.

Se hai pensato bene prima di parlare e non hai interpretato questi ruoli e se sarai breve e chiaro vedrai che verrai ascoltato.

Condividi su: