10 CONSIGLI PER POTENZIARE IL TUO ASCOLTO ATTIVO

pubblicato in: Counseling | 0


L’ascolto attivo è come la pasta aglio, olio e peperoncino: semplice e difficilissimo da realizzare.

Provando ad ascoltare in maniera autentica vedrai gli effetti positivi che questo può avere sulle tue relazioni sia personali che professionali.Perché parliamo di ascolto attivo? Perché non basta stare zitti e sentire ciò che l’altro dice, questo è l’ascolto passivo. Ascoltare attivamente mette in movimento gli occhi, la mente e tutto il corpo.
L’ascolto attivo serve a far sentire l’altro accolto facendogli percepire che ciò che sta dicendo è importante per te; è un ottimo punto di partenza per costruire una buona relazione con il partner, gli amici, i figli, i colleghi e per tutte le professioni d’aiuto.

10 CONSIGLI PER POTENZIARE IL TUO ASCOLTO ATTIVO

1 Stai di fronte al tuo interlocutore e guardalo negli occhi 
La tua posizione deve essere attenta e morbida, leggermente protesa in avanti. Cerca di capire se la distanza fisica va bene per l’altro.
2 Non giudicare
Se vuoi che il flusso comunicativo non si interrompa sul nascere, stai con la mente aperta. Non giudicare né positivamente né negativamente: Hai fatto bene. Hai fatto male. Questo significherebbe che stai filtrando le informazioni secondo il TUO sistema valoriale e quindi non stai ascoltando.
Accetta l’altro come una persona diversa da te e totalmente libera di essere quello che è.
3 Non interrompere e non dare soluzioni tue
Se interrompi l’altro sottintendi che quello che hai da dire tu è più utile e più rilevante, questo crea un sentimento di inferiorità o di ribellione che interrompe la comunicazione.
Quello che va bene per te non va necessariamente bene per tutti.
4 Non puoi ascoltare se stai pensando a cosa dire dopo
Molte volte mentre una persona parla, l’altra freme per dire che anche a lei o a suo cognato… è successa la stessa cosa, che poi non è mai la stessa cosa. Uuuuh sapesse a me…
Il presupposto dell’ascolto attivo è proprio quello di CONCENTRARSI SULL’ALTRO.
5 Aspetta il tuo turno e fai domande solo per accertarti di aver capito
Limita al massimo le domande chiuse, quelle che prevedono risposta o no, prediligi domande aperte perché facilitano la conversazione: cosa significa per te….?, come stai mentre mi dici questo?, spiegami meglio…
Evitare di chiedere perché, come mai… spesso queste domande sottintendono un giudizio. Come mai ti stai comportando così?
6 Sintonizzati
Rispetta il ritmo e il volume dell’altro e cerca una sintonia, normalmente questo avviene in maniera naturale.
Cerca anche di rispettare il linguaggio del tuo interlocutore non usando parole che potrebbe non conoscere.
7 Fai attenzione a ciò che l’altro dice, ma soprattutto a COME lo dice e anche a QUELLO CHE NON DICE
È importante non concentrarsi soltanto sulle parole, ma anche sul tono di voce e sui movimenti, quando qualcosa cambia chiediti che cosa stia succedendo.
8 Cerca di immaginarti cosa stia provando l’altro
EMPATIA significa sentire il mondo dell’altro senza “caderci dentro”. Mettersi nei panni di un’altra persona non è facile, ma è il modo più potente per comunicare l’ascolto. Mentre ascolti cerca di immaginarti come deve essere per il tuo interlocutore stare nella sua situazione.
9 Congruenza
Non devi dire tutto quello che pensi, ma tutto quello che dici lo devi pensare. Questo significa essere congruenti.

10 LA RIFORMULAZIONE è la chiave dell’ascolto attivo
Dopo aver ascoltato, riassumi brevemente il contenuto.
Mantieni il dubitativo: se ho capito bene, mi stai dicendo che…
Ovviamente non devi ripetere “a pappagallo” le parole del tuo interlocutore, ma riassumere i concetti fondamentali che ha espresso per accertarti di aver capito e farlo così sentire ascoltato e compreso.

NON MI CREDERE SULLA PAROLA. PROVA!

Per qualche giorno usa la riformulazione nelle tue conversazioni e osserva l’effetto che fa sugli atri. Le prime volte ci si sente un po’ stupidi e si ha paura che gli altri si sentano quasi presi in giro e che ci possano chiedere: “Ma che fai, ripeti quello che ho appena detto io???”
Non è così, per poter riformulare devi ascoltare in maniera autentica e le persone non sono abituate a sentirsi accolte e accettate totalmente e questo crea un clima così positivo che tutto il resto non conta.

Salva

Condividi su: